snami - Sez. prov. Monza e Brianza

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Notizie Comunicazioni COMITATO CENTRALE SNAMI 5-6 maggio a ROMA

COMITATO CENTRALE SNAMI 5-6 maggio a ROMA

Stampa PDF

Si è svolto a Roma il 5-6 maggio 18 il Comitato Centrale SNAMI in cui si sono discussi importanti argomenti quali la nuova direttiva U.E. sulla privacy (GDPR) in vigore dal 25 maggio 18. Ecco in sintesi i dettagli:

SICUREZZA DEI DATI SENSIBILI   (GDPR)

ENTRO IL 25 MAGGIO 2018 OBBLIGO DI ADEGUAMENTO AL REGOLAMENTO UE 2016/679

La unione europea ha uniformato il regolamento per la protezione dei dati sensibili (Privacy) abrogando il regolamento precedente. Sono previste sanzioni. La materia è complessa e riguarda per il medico alcune norme che tendono a tutelare i dati sensibili ( archivi informatici, materiale cartaceo ecc. ) e anche il personale. La nuova norma prevede che una società esterna ( Data Protection Officer ) certifichi la sussistenza dei requisiti previsti in detto regolamento.  Ovviamente la società deve essere autorizzata e si farà pagare.

Per approfondire l'argomento,  SNAMI ha pensato di offrire a tutti gli iscritti un corso ECM FAD gratuito (10 crediti).  Per far questo è sufficiente collegarsi alla pagina Web https://www.contatto.tv/index.php/fad/ita

Se non siete già registrati, bisogna effettuare la registrazione preventiva e successivamente selezionare l'opzione 'Aule Didattiche' presente il alto alla pagina.

IPOTESI ACCORDO ACN  FIRMATO DALLE OO.SS.

L'ACN scorporato dalle questioni più importanti per la medicina generale, attualmente si trova al Ministero Economie e Finanze (MEF ) per valutare la sostenibilità economica. Se tutto va bene, verrà pubblicato in gazzetta ufficiale. Solo dopo tale pubblicazione potranno essere erogati gli arretrati.

CERTIFICAZIONE INPS

L' INPS ha chiesto alle OO.SS. se sono disponibili o meno a inserire la certificazione infortuni e la certificazione malattie professionali  nell' ACN in discussione. L'INPS è disponibile a mettere a disposizione 90 milioni di euro come aumento della quota capitaria  prevista in convenzione.  In sostanza la quota capitaria verrebbe aumentata di 2 euro  (  3.000 euro lordi all'anno per un massimalista ).

Dopo ampia discussione, SNAMI si è detto disponibile a discutere questo argomento con la completa esclusione però della certificazione di sospetta malattia professionale che, seppur obbligatoria , deve essere mantenuta a pagamento vista la complessità